Labarcom

Bando di concorso per interventi di riqualificazione urbana


Rapolano Terme

Piazza Matteotti fu concepita nel secolo scorso come ampio spazio pubblico che apriva il centro storico al resto del territorio grazie alla Porta Nuova, asse panoramico e paesaggistico di notevole pregio. La sua buy cheap copy watches dimensione ampia e regolare era atta al raduno delle masse e, ancora oggi, tale funzione rimane in quanto nella piazza si svolgono alcune delle attività proposte dalle diverse Associazioni Rapolanesi. Il degrado deriva però dal fatto che per la maggior parte dell’anno questo spazio viene declassato a parcheggio e a mero luogo di passaggio. La nostra idea di progetto vuole dare respiro ai negozi presenti e ripristinare il ruolo di polifunzionalità che si addice ad una piazza del centro storico. Questo sarà possibile indirizzando in uno spazio ben determinato il flusso degli autoveicoli e, in questo modo, si andranno a conformare vuoti strategici dove le persone potranno relazionare e sostare, oppure, dove potranno assistere a incontri e manifestazioni culturali. Tali intenti si risolvono ordinando il traffico della piazza centralmente in modo da far perdurare l’attuale viabilità ma, soprattutto, valorizzare l’asse panoramico dettato dalla Porta Nuova. Lo spazio, infatti, si configura tutto in funzione di questo importante punto panoramico che mette in comunicazione il centro storico di Rapolano con la campagna circostante. Il disegno della piazza e dell’arredo urbano cooperano alla valorizzazione di questo asse panoramico essendo caratterizzati da un disegno pulito e leggero. In particolare la pavimentazione della parte carrabile della piazza verrà uniformata a quella esistente in lastricato rigato di pietra serena. Il resto della piazza invece sarà pavimentato con il travertino classico di Rapolano (eventuali disegni a terra della pavimentazione saranno da verificare in una fase successiva). Come si può ben capire dalla sezione di progetto la Piazza verrà suddivisa in tre fasce che si svilupperanno a tre quote diverse. Questo espediente serve ad attenuare la pendenza che attualmente la piazza presenta lungo l’asse est-ovest ed è la principale azione che ci permetterà definire le diverse funzioni di questo spazio. In particolare la parte di piazza che servirà gli edifici ad est (macelleria e Chiesa del corpus Domini) avrà una leggera pendenza verso il centro della piazza in modo da risultare rialzata di 30-40 cm rispetto alla fascia carrabile. Tale fascia rimarrà alla stessa quota della piazza esistente, si provvederà solamente a sostituire la pavimentazione, portare l’illuminazione ed adeguare il sistema dello smaltimento delle acque piovane. La parte di piazza che invece costeggia la Chiesa della Misericordia, il forno ecc avrà una quota minore rispetto alla sede stradale, questo per evitare di esagerare con sbancamenti e riporti, e sempre nel rispetto delle norme per la sicurezza che verranno approfondite in fase esecutiva. L’illuminazione prevista sarà identica a quella di nuovo impianto in Via Provinciale Nord e sarà utilizzata su pali sia di media che bassa altezza. Tra la sede stradale e la piazza che si svilupperà ad una quota sottostante di 20-30 cm si prevede una fascia zigrinata con pendenza maggiore verso la strada e segna passo carrabili incassati. Dallo studio delle ombre eseguito durante i mesi estivi la Piazza non necessita di verde funzionale alla creazione di ombre che allietino la sosta in quanto gli edifici circostanti creano zone d’ombra sufficienti per tutto l’arco della giornata. Le due aiuole che sono state previste nel progetto fanno parte di una scelta scenografica che nobiliti, dalla piazza e viceversa, la vista verso Porta Nuova. Stato: CONCORSO IN FASE DI AGGIUDICAMENTO


<< Torna ai progetti

Galleria Fotografica